ATLETICA COGNE AOSTA

user
pwd
Cogne Acciai Speciali        NUOVI CENTRI CONI AVVIAMENTO ALLO SPORT       

IN EVIDENZA

DEVOLVI IL TUO 5XMILLE ALL'ATLETICA COGNE

AOSTA

01/06/2020

  5x1000

Non ti costa nulla ed è semplice: basta indicare sulla tua dichiarazione dei redditi il         

C.F.: 91047260079.
Permetterai alla società di avere più fondi da destinare all’organizzazione dell’attività sportiva!

VISITE MEDICHE - RICORDATE

Aosta

14/02/2015

E' operativa la convenzione con l'IRV

- Istituto Radiologico Valdostano di Aosta per le visite medico-sportive. Ricordate all'Istituto che siete tesserati Cogne e avrete SCONTI e diversi vantaggi.

Meteo

Aosta

23/03/2018

ATLETICA SOCIAL

Aosta

20/02/2018

@atletica_cogne_aosta

ora anche su Instagram

segui anche tu!!!

Oppure ci trovi cercando Atletica Cogne Aosta su Facebook

Stagione 2010

CAMPIONATI EUROPEI MASTER 2010

22/07/2010 - autore: Leo Bérard

SCENDE IN PEDANA GIANCARLO CICERI

E' IL TURNO DI GIANCA SULLE PEDANE DI Niyregyhaz (Un premio a chi sa pronunciarlo...), per i Campionati europei master su pista.

Tutti noi non possiamo che tifare:

FORZA GIANCA!!!

Commenti:

il 22/07/2010 - umby ha scritto:
Mio caro grande amico,ti faccio i miei migliori auguri per la performance europea e spero anzi sono certo che vincerai te lo meriti veramente.Via e torna vincitore, poi al tuo ritorno sistemero' il berti , la belva di busto arsizio,nostro carissimo amico.Ripeto e confermo, sei un campione dentro e fuori dal campo.Perdona me e la belva di busto se a roma nel dopo gara abbiamo fatto diversi giri per ritrovare albergo, ma ci siamo divertiti dai.........Allora dai, forza Gianca,torna campione. un abbraccio dal berti e dal giansa............forzaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa


il 24/07/2010 - gianca ha scritto:
Ero partito x tentare - nonostante tutto - il podio e sono uscito a centrare il risultato voluto, quindi sono contento ma...... Intanto il viaggio è stato davvero lungo, estenuante e al contempo affascinante. 1° e 4° giorno (il ritorno) sono stati riempiti dal viaggio per l'appunto. La sistemazione in hotel a 30 km. dal luogo dei campionati europei, in Ungheria, ha risposto appieno all'attesa... Niente di trascendentale ma semplice e essenziale, come gli abitanti di quella zona povera e così diversa dalla capitale Budapest,quindi atteso! Caldo, caldo, caldo, anche 34°, umido, umido, umido, nella sconfinata pianura magiara, coltivata a mais e girasoli. Tante cicogne sui pali della luce... mai viste così numerose, almeno 50!!! Ma veniamo alla gara: dopo un giorno di meritato recupero il 2° è arrivato il momento della gara... 3° giorno: sveglia alle 7,00 colazione abbondante e internazionale, come l'evento che doveva arrivare.... ore 9,00 partenza in auto per lo stadio, dove alle 11,40 era attesa la mia gara, il salto triplo master 50 anni. Ero tranquillo e in pace con la coscienza, avevo fatto il max per preparare l'evento e gli acciacchi che ho incontrato quest'anno (operazione al menisco 90 giorni fa, il taglio alla gamba-ricordo sfortunato di una gita scolastica- le gare di preparazione a Roma e Aosta. Le contratture rimediate ad Aosta in gara e in allenamento 10 giorni prima degli europei, mi avevano indotto a prudenza per arrivare pronto alla competizione dell'anno per me. Il mio obiettivo era realistico visto il valore dei concorrenti presenti ma soprattutto la mia precaria condizione fisica... Nel pre gara si doveva scegliere la battuta... dopo avere scelto i 10m ho notato che 2 degli avversari principali avevano scelto invece gli 11m... quindi rettifico al giudice la scelta perchè devo affrontare gli avversari alla pari! Ho esordito come meglio non si poteva: 12,52 al primo salto; mi poneva provvisoriamente in testa anche se per breve tempo! Incredibile, pensavo che già al primo tentativo la mia gara potesse mestamente finire invece ero ancora lì sano e per giunta in testa. Poi il miglioramento nel 2° salto e il 2° posto fino al 5° tentativo, un bel nullo mio e poi il sorpasso di Cameron Rez - atleta inglese di colore- Al 6° salto ho voluto provare il tutto per tutto con una rincorsa di ottima fattura ma probabilmente era destino, appena ho forzato mi è uscita una nuova contrattura al bicipite femorale sx (quelle precedenti erano al tricipite del polpaccio sx!). Peccato potevo vincere, ci ho provato ma la medaglia mi è restata e questo cmq mi basta! ciao gianca. dimenticavo... la dedica! in particolare alle 3 persone che in questa occasione mi sono state più vicine: Adriano, Sonia e Leo.


vedi tutte le news del 2010

indietro